10 domande a Leslie Connor, autrice di “La verità secondo Mason Buttle”

Quando hai capito che volevi diventare una scrittrice?

La verità è che sono ancora sorpresa di fare questo lavoro. Ho studiato belle arti al college e sono entrata nel campo dei libri per bambini pensando di poter illustrare. Ma poi ho seguito un corso di scrittura e ho scoperto di avere una forte inclinazione a creare romanzi per i lettori delle scuole medie.

Com’è stato vedere il tuo primo libro pubblicato? È stato l’avverarsi di un sogno?

Il mio primo libro è stato un albo, Miss Bridie Chose a Shovel, una storia di immigrati. Il libro è stato illustrato dalla vincitrice del premio Caldecott, Mary Azarian. Tenere il libro tra le mani e vedere cosa ha portato Mary al progetto è stato l’avverarsi di un sogno.

Hai una tua kryptonite personale nella scrittura?

Le inturrezioni. Una volta che inizio a scrivere nessuno deve fermarmi.

I tre libri/autori/illustratori preferiti della tua infanzia e di oggi.

Sono una fan sfegatata di Laura Ingalls Wilder; la serie La piccola casa nella prateria rimane la mia pietra di paragone letteraria. Ho adorato Miss Happiness e Miss Flower di Rumor Godden e Orsetto di Elsa Minarik, illustrati da Maurice Sendak. Di recente, ho apprezzato WISH di Barbara O’Connor, The Audacity Jones Series di Kirby Larson e L’anno in cui imparai a raccontare storie di Lauren Wolk.

Qual è la parte migliore e quella peggiore del mestiere di scrittore?

La parte migliore è creare personaggi e storie che raggiungano i lettori in modo emotivo. La parte peggiore è probabilmente la lotta per rimanere fiduciosi su un progetto fino alle parole finali.

Come scrittrice, quale mascotte/avatar/spirito animale sceglieresti?

Il sempre leale, cane. Scrivere un romanzo richiede impegno, voracità, tenacia e amore incondizionato per i personaggi. I cani sono ottime guide per gli scrittori, poiché possiedono tutte queste caratteristiche.

Dove hai trovato l’ispirazione per questo libro? Ti ha insegnato qualcosa?

Il primo piccolo seme è venuto da una triste notizia di alcuni ragazzi che hanno commesso un tragico errore. Ma non ho saputo che storia raccontare se non dopo un paio di anni di sogni ad occhi aperti. Durante la scrittura di questo libro ho imparato a conoscere l’arte, la scienza, la narrazione e le mele!

Raccontaci tre cose folli/interessanti su di te.

Ascolto le storie, scrivo con le orecchie. Credo che non ci sia niente di più divertente della verità, ma non tutte le verità sono divertenti. Ho tre grossi cani da salvataggio, quindi se non mi trovate a scrivere è probabile che sia fuori a fare una passeggiata con loro o stia passando l’aspirapolvere.

Se non fossi diventato uno scrittore, quale sarebbe il tuo lavoro ideale?

Probabilmente sarei un’artista visiva. (Prendo delle pause artistiche quando la scrittura non va bene; il “tempo di riflessione” è molto rinfrescante.) Segretamente vorrei avere del talento musicale; mi piacerebbe essere una cantautrice.

Vorresti dire qualcosa ai tuoi lettori italiani?

Piacere di conoscerti! Questo è il mio primo contratto con un editore italiano e sono molto grato per questo nuovo pubblico.

Newsletter

La nostra newsletter

Scelta della lista

Acconsento al trattamento dei dati personali secondo i termini di legge *