Libri

Guarda che luna

di Andrea Valente

pagine

126

ISBN

9788880334811

pubblicazione

gennaio 2009

prezzo

14,00 €

formato

14 x 20,5 cm

pages

126

ISBN

9788880334811

published on

gennaio 2009

price

14,00 €

format

14 x 20,5 cm

Guarda che luna: 28 racconti-ritratti di filosofi, poeti, scienziati, musicisti, attori che hanno guardato, studiato, raccontato, cantato e alla fine toccato la luna, in occasione dell’anno internazionale dell’astronomia e dei quarant’anni dall’allunaggio, che ricorrerà il prossimo 21 luglio.
Un’irresistibile lettura per tutti coloro che, fin dall’inizio dei tempi e in ogni angolo del mondo, di notte o nella vita, hanno l’abitudine di guardare in alto, senza smettere mai di volere la luna…
Si tratta di 28 racconti brevi e semiseri che danno prova di quanto la luna sia stata presente in ogni momento della nostra storia, della letteratura, della musica, della scienza, delle arti attraverso i personaggi più diversi, che tanto ha saputo ispirare: da Chopin a Beethoven, da Leopardi a Calvino, da Méliès a Orson Welles, da Anassagora a Tolomeo, fino a Neil Armstrong, che alla luna, poi, ci è arrivato per davvero.
Un libro che, attraverso aneddoti sorprendenti, narra di amori e follie, illuminazioni e folgorazioni, avventure e imprese titaniche, felicità e malinconie…
Ogni storia ha per protagonisti uno o più personaggi diversi e di ognuno si dà conto alla fine con una breve nota biografica.
Fanno la loro apparizione, nell’ordine: Eva, Zeus, Anassagora, Tolomeo, Montezuma II, Magellano, Orlando Furioso, Galileo Galilei, Cyrano, Barone di Munchhausen, Beethoven, Leopardi, Frankenstein, Verne, Méliès, Roald Amundsen, Einstein, Werner Von Braun, Orson Welles, Frank Sinatra, Fred Buscaglione, Italo Calvino, Marilyn Monroe, Stanley Kubrick, Yuri Gagarin, Neil Armstrong e Martin Landau.
Il libro: Era un bel po’ prima dell’anno zero e il filosofo Anassagora guardava la Luna e pensava che qualcuno abitasse lassù. Qualche secolo dopo, la posizione della luna nel sistema di pianeti faceva venire il mal di testa a Tolomeo. E poi tutti a scrivere, a comporre, a girare film. Beethoven e Chopin le hanno dedicato sonate, Leopardi e Calvino poesie e racconti, Méliès uno dei suoi film più bizzarri. E finalmente un bel giorno, precisamente il 21 luglio 1969, qualcuno si è deciso a metterci piede…

Consigli di lettura

Newsletter

Scelta della lista

Acconsento al trattamento dei dati personali secondo i termini di legge *