Percorsi di gioco – Con Emanuela Bussolati

Tutte le proposte del minicorso di Emanuela Bussolati rivolto per questa volta agli adulti, ma destinato a fortunati piccolini.

Un percorso di esperienze e attività pratiche condivise tra grandi e piccoli, di creazione, costruzione e gioco. Proposte semplici, a misura di bambino, e come tutte le cose semplici, illuminanti, originali e intelligenti, da fare insieme.

LE OMBRE

Dovunque ci sia una fonte di luce, c’è l’ombra e tanti sono i giochi che si possono fare con questo fenomeno assolutamente gratuito, dalla misurazione del tempo al tentativo di disegnarla, a osservarne le deformazioni su superfici tonde, scabre, in movimento…
Il teatro delle ombre però unisce il gioco dell’ombra con la narrazione: coinvolge la voce, grande strumento affettivo, e l’immagine, che apre mondi di fantasia.

Se non vi sentite capaci di inventare storie, raccontate una fiaba o un buffo ricordo personale. Bastano pochi personaggi e pochissimo tempo per preparare figure e schermo.

Questo gioco piacerà a bambini dai 30 mesi ai 6 anni e a voi che lo preparerete con loro.

Ecco il link per le istruzioni:  Teatro d’ombre

UN QUADRO DA COMODINO

Creare immagini è facilissimo: con forbici e carta, con matite o carta colorata, con colla e cartoncini.
E anche ritagliando le figure dalle fotografie, se proprio non ci si vuole mettere alla prova ritagliando tondi, rettangoli, triangoli o forme strambe!

Le immagini affettive sono perfette per accompagnare i bambini nella Notte. Nascono con le storie o con le fiabe che si raccontano la sera, alla luce fioca della lampada appoggiata sul comodino.

Ecco allora un quadro da comodino da studiarvi, per proporre poi ai bambini di crearlo insieme.

Questo gioco piacerà a bambini dai due anni (che possono incollare e colorare) ai 6 anni (che possono anche piegare, ritagliare, comporre le figure) e piacerà a voi che lo farete con loro.

Ecco il link per le istruzioni:   CASTORO QUADRO 3D

FIGURINE

È un gioco narrativo e simbolico (si racconta cosa fanno le figurine e le figurine rappresentano simbolicamente figure reali anche quando non sono realistiche) ma è un gioco anche semplicemente elencativo, soprattutto per i più piccoli che creano il mondo via via che ne nominano gli elementi.

Tenete presente sempre che è il percorso del gioco e la condivisione che danno valore al gioco.
Non dovete fare una mostra, non dovete vendere quello che fate, non dovete dimostrare di essere “bravi” ma solo di essere partecipi e davvero interessati a scoprire come stare insieme con reciproca soddisfazione.

Ecco il link per le istruzioni: figurine

Newsletter

Scelta della lista

Acconsento al trattamento dei dati personali secondo i termini di legge *