10 domande a: Armand Baltazar, autore di Timeless

Timeless. Diego e i Ranger del Vastatlantico è uscito in Italia da pochi mesi e ha già fatto parlare molto di sé per la storia, l’ambientazione e le oltre 600 illustrazioni a colori. La Terra è stata colpita da una Collisione Temporale: le epoche storiche si sono mescolate, i continenti si sono rimodellati, i dinosauri avanzano accanto alle mandrie di bufali e i robot navigano le acque insieme ai battelli a vapore. Diego Ribera ha 13 anni e vive a New Chicago. Un giorno suo padre, capo ingegnere della città, viene rapito e sarà Diego a doverlo salvare con l’aiuto dei suoi valorosi amici.
Tutto questo è stato creato dalla mente di Armand Baltazar che per diversi anni è stato art director per DreamWorks, Disney e Pixar. L’idea è nata da un piccolo robot di lego costruito da suo figlio. Ma abbiamo scoperto di più grazie alle nostre dieci domande!

Quando hai capito che volevi diventare uno scrittore?
Già da piccolo, quando raccontavo storie utilizzando immagini e parole.
Com’è stato vedere il tuo primo libro pubblicato? È stato l’avverarsi di un sogno?
È un sogno meraviglioso diventato realtà. Vedere qualcosa che ho sempre desiderato fin dall’infanzia che si sta realizzando era oltre le mie aspettative.
Hai una tua kryptonite personale nella scrittura?
La mia più grande kryptonite è non sapere cosa voglio davvero esprimere attraverso una storia, seguita da non sapere quale sia la direzione giusta da prendere quando te ne si presentano tante davanti. Cosa, del resto, strettamente collegata al non sapere cosa voglio dire.

I tre libri/autori/illustratori preferiti della tua infanzia e di oggi.
L’isola del tesoro di Stevenson illustrata da N.C. Wyeth, Ventimila leghe sotto il mare di Verne, Dune di Frank Herbert, amo ancora tutti questi libri. Ma ti direi la serie di Stephen King, La torre nera, Frankenstein di Mary Shelley (versione graphic novel) illustrato da Bernie Wrightson e Dinotopia, scritto e illustrato da James Gurney.
Qual è la parte migliore e quella peggiore del mestiere di scrittore?
L’editing. È sempre brutto dover scartare delle idee a cui tieni, ma è qualcosa che apprezzi alla fine, quando hai realizzato di aver reso la tua scrittura più forte grazie a quanto hai lasciato fuori.
Come scrittore, quale mascotte/avatar/spirito animale sceglieresti?
Il mio editor direbbe una tartaruga… ma io sceglierei un tasso dallo spirito risoluto e deciso.
Dove hai trovato l’ispirazione per questo libro? Ti ha insegnato qualcosa?
L’idea è nata da un giocattolo creato da mio figlio. Ha costruito un piccolo robot con i lego quando era molto piccolo. Quando si è rotto, per ricostruire la testa del robot ha piazzato un trattore giocattolo sulle sue spalle al posto della testa e ha proclamato la creazione del suo robot-trattore. Ho guardato il piccolo giocattolo e ho avuto subito l’idea per quella che sarebbe stata la prima bozza in assoluto di Timeless. Dopo mio figlio mi ha chiesto di creare una storia su di lui e il suo robot e di farne parte anch’io. Quella semplice storia che gli ho raccontato quella notte sarebbe cambiata radicalmente nell’avventura che è adesso. Da adulto, ho cercato di scrivere racconti, ma ho perso la strada perché la vita è diventata più complicata. Ma questa volta ho il piacere di raccontare una storia per ragioni di piacere personale. Ho imparato che quando segui il tuo cuore è possibile scrivere storie per delle giuste ragioni ed è possibile continuare ad andare avanti con la scrittura senza curarci di essere completamente fuoristrada.

Raccontaci tre cose folli/interessanti su di te.
Per molto tempo ho dipinto cibo, mi piace costruire e far volare aeromodellini con mio figlio, volevo essere un biologo marino quando ero piccolo ma ho cambiato idea perché ero un pessimo nuotatore e avevo visto Lo Squalo. Quel film per tutta l’infanzia mi ha fatto avere paura dell’oceano. È tutto ok adesso.
Se non fossi diventato uno scrittore, quale sarebbe il tuo lavoro ideale?
Volevo essere un biologo marino, ma adesso sarei molto contento di essere un insegnante.
Vorresti dire qualcosa ai tuoi lettori?
Siate curiosi e temerari nelle vostre fantasie e passioni, la forza può cambiare la vostra vita e rendere il mondo migliore.

Newsletter

Scelta della lista

Acconsento al trattamento dei dati personali secondo i termini di legge *