10 domande a Hope Larson, autrice di Vento del Sud

Pirati, navi, mare in tempesta, un tesoro perduto e due gemelli intraprendenti. In Vento del sud Hope Larson ci guida in una storia di avventura a fumetti avvincente, con la maestria che contraddistngue questa giovane autrice, già vincitrice dell’Eisner Award con Nelle pieghe del tempo. Qui le sue risposte alle nostre 10 domande!

Quando hai deciso che avresti fatto la scrittrice?
Da quanto ricordi, ho sempre inventato storie. Prima di imparare a scrivere, le dettavo ai miei genitori e loro le scrivevano. Sono sempre stata una grande lettrice e amante della finzione in tutte le sue forme – libri, fumetti, tv, film – e ho sempre sperato di essere una scrittrice.
Cosa hai provato nel vedere il tuo libro pubblicato? È stato un sogno diventato realtà?
Sì, totalmente. Il mio primo libro è stato pubblicato quando avevo 21 anni, davvero, sono stata molto fortunata a iniziare presto. Certo, il lato negativo è che ho un po’ di libri che girano lì fuori che non sono quelli che scriverei oggi!
Hai una kryptonite nella scrittura?
Le uniche volte in cui combatto contro il blocco dello scrittore sono quelle in cui ho troppi progetti allo stesso momento e il mio cervello sembra uno strofinaccio strizzato. Ho attraversato un periodo come questo nel 2016 e ne sono uscita accettando il fatto che avessi bisogno di fare qualche cambio alla mia vita lavorativa. Ora, sono molto più esigente verso ciò a cui dirò di sì, perché voglio che i progetti che accetto siano i migliori possibili.

I tre libri/autori/illustratori preferiti di quando eri bambina e di adesso.
I tre autori preferiti quando ero bambina: Diana Wynne Jones, Rumiko Takahashi e Peter Spier.
I tre autori preferiti oggi: Jillian Tamaki, Dan Clowes e Vanessa Davis.
L’aspetto positivo e quello negativo dell’essere uno scrittore.
Puoi lavorare da casa, e devi lavorare da casa. È confortante, ma può anche essere solitario.
Come scrittrice, cosa sceglieresti come mascotte/avatar/spirito animale?
Sarò scontata con questa: ho due gatti che sono con me fin da quando erano cuccioli e noi tre ci capiamo benissimo.
Dove hai trovato l’idea per questo libro e cosa ti ha insegnato.
L’idea è arrivata a pezzi, che si sono uniti quando ero su un aereo, viaggiavo verso casa per pubblicizzare il fumetto Nelle pieghe del tempo. Sono stata sempre affascinata dai gemelli e dai doppi e ho scritto diverse storie che trattavano di quest’argomento.
La cosa principale che ho imparato scrivendo Vento del sud è stato poter collaborare con un’illustratrice. Rebecca Mock è la migliore co-creatrice, co-cospiratrice e co-pilota possibile per questi libri.

Raccontaci 3 cose interessanti o folli di te.
Uno dei miei hobby è crescere e liberare farfalle monarca.
Sono andata a scuola per studiare il gelato.
Ho una repulsione genetica verso il coriandolo che gli fa avere il gusto del sapone.
Se non fossi una scrittrice, quale sarebbe il tuo lavoro ideale?
Potrei essere uno di quei contadini in stile “ritorno alla terra”. Mi piace stare più possibile all’aria aperta.
Cosa vuoi dire ai tuoi lettori?
Mi dispiace per lo stato del mio Paese in questo momento, ma spero molto che vi piaccia il mio libro.

Newsletter

La nostra newsletter

Scelta della lista

Acconsento al trattamento dei dati personali secondo i termini di legge *